Autore: Direttore responsabile

Il Graal al Maschio Angioino e il Segreto del Sole

EVENTO: 20 giugno Inaugurazione della mostra “Santo Graal storia, mito e leggenda” Sala Vesevi ore 11

di Redazione

Come fosse un viaggio alla ricerca della verità, finalmente scovata. Da giovedì 20 a domenica 30 giugno, al Maschio Angioino di Napoli in Sala “Vesevi”, arriva la mostra “Santo Graal: storia, mito e leggenda”, curata dall’associazione Itinerari Video Interattivi e patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.

Contatti: info@projectivi.it; cell. 3483976244

W Redazione Il Graal al Maschio Angioino e il Segreto del Sole

I Madonnari si riuniscono per la festa di San Pasquale Baylonne

di Redazione

Festa per il Concorso dei Madonnari a Nocera Superiore di cui pubblichiamo qualche foto nel PDF allegato

Il lavoro con NOCERA dell’anno scorso, con il primo piano dato all’Istituto Comprensivo che è riuscito a coinvolgere tutti i suoi plessi nel parlare a scuola del sacro, coi più piccoli con la partecipazione con disegni e canti e storie alle processioni, e coi più grandi con visite di studio ai monumenti ed alle narrazioni della storia del territorio, ha stabilito un’amicizia che porta i docenti a inviare foto delle tante manifestazioni che nel territorio campano celebrano il sacro nella vita delle comunità. A questo appartiene anche la festa San Pasquale Baylonne, protettore delle donne. Nell’occasione a Nocera Superiore si celebra il concorso dei Madonnari, un’arte di strada estemporanea al massimo, che sa coinvolgere nella vita nomade di chi la pratica tutta l’ingenua volontà di rappresentare a modo proprio i sentimenti della vita.

W Redazione I Madonnari si riuniscono per la festa di San Pasquale Baylonne

Formia ospita il rione SANITÀ con l’Ass. Confronti

di Franco Villano

Sabato 18 febbraio, a Formia, nella sala Ribaud del Comune, si è svolto l’ottavo degli incontri previsti per la sesta stagione di attività dell’Associazione Confronti.

Ospiti della serata sono stati Don Antonio Loffredo, notissimo parroco della Basilica di Santa Maria e San Severo alla Sanità, uno dei più complessi e difficili quartieri di Napoli; la scrittrice Chiara Nocchetti che ha recentemente pubblicato il libro ”Vico Esclamativo-Voci del rione Sanità”, che racconta alcune delle storie più incisive e toccanti, storie di riscatto, dei giovani del rione; e Giuseppe, uno dei fantastici ragazzi del quartiere che, oltre alla sua testimonianza di vita, ci ha anche letto qualcuna delle storie del libro di Chiara. Il tutto è iniziato attraverso la presentazione di un filmato inerente il rione, la sua storia, la sua cronaca, fatta di luci e ombre, ed è proseguito con la testimonianza, di Don Antonio. Continue reading “Formia ospita il rione SANITÀ con l’Ass. Confronti”

Le ricerche di EU Kids online Italia (2)

Dimensione usi e consumi, competenze d’uso

di Anna Irene Cesarano

I devices mobili rivoluzionano l’ecosistema mediale, espandendo significativamente le coordinate spazio-temporali della vita digitale dei teenagers, anche se la camera resta il luogo per eccellenza scelto dai ragazzi per avere accesso alla rete, nonostante il moltiplicarsi delle situazioni e occasioni per accedervi. Infatti vi sono dei vincoli e delle limitazioni di natura tecnologica, economica e sociale, soprattutto per i ragazzi più piccoli, che condizionano l’accesso ad Internet in ogni momento e luogo (Ivi, p. 63). Per quello che concerne il punto di vista dell’accesso e degli usi, dai dati emerge che il 51% degli intervistati utilizza ancora il laptop per connettersi alla Rete, mentre il 42% dei giovani italiani usa lo smartphone quotidianamente e il 45% lo possiede. La diffusione dei devices mobili, quindi, sarebbe accompagnata da una pervasiva privatizzazione dell’esperienza online, lo smartphone si classifica come il device su cui i teenagers hanno un potere più personale e quello che hanno più probabilità di possedere o avere in uso esclusivo (Ibidem). Continue reading “Le ricerche di EU Kids online Italia (2)”

Nella moralità sorge una Nuova Natura. Saggio di filosofia naturale

di Federico Giandolfi

Appare nel numero 388 di Lettura, supplemento del Corriere della Sera di Domenica 5 maggio, un articolo di Donatella Di Cesare sul Fallimento del Futuro. Suggestiva e lucida riflessione, con una pletora di domande inevase e tanta sincera passione, ma una vitalità rassegnata. La difficoltà di immaginare il futuro e l’impotenza che prevale, la assenza della speranza nel mondo altro, l’apocalisse ecologica della Umanità e del Pianeta che si profila in piena modernità laica e scientifica, la mancanza di risonanze teologiche, la sopravvivenza in un tempo senza domani, il panico diffuso del terrore, la storia senza un fine ma con una fine. L’identità digitalizzata a futura memoria e la crioconservazione come congelamento del presente. Soprattutto, nel testo aleggia un senso di morte collettiva, imminente e ineluttabile. L’incertezza irresolubile del futuro diviene metafora del mistero della morte individuale. E’ come un navigare sott’acqua senza poter emergere e vedere il cielo. L’autrice paventa la scomparsa della fiducia che migliori le sorti umane e incida sugli avvenimenti, l’impossibilità di vedere la propria vita come contributo all’edificazione di un altro mondo. Continue reading “Nella moralità sorge una Nuova Natura. Saggio di filosofia naturale”

Ambientalismo, femminismo, etica sociale : per un nuovo Umanesimo

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

L’ambientalismo, nella sua strutturazione ed espansione dagli anni ‘70 del secolo scorso, ha indubbiamente avuto contiguità, nelle elaborazioni teoriche e nei modelli organizzativi e di radicamento nella società, col femminismo. Entrambi i movimenti hanno teso a svilupparsi al di fuori ed oltre le composizioni partitiche e le rigide strutture spesso verticistiche ed auto referenziali di tante organizzazioni preesistenti, pure in parte sensibili alle tematiche trattate. Allo sfruttamento della natura facevano da contraltare millenni di oppressione delle donne, generati entrambi da una visione del mondo inaccettabile e da cambiare.

Il patrimonio di esperienze e i traguardi raggiunti da entrambi i movimenti, sia pure con fasi alterne rispetto al grado di impatto e al tipo di ricaduta registrati sulla Politica, hanno prodotto risultati significativi in tutti i campi, inducendo trasformazioni anche nei modelli di produzione, di consumo e relazionali, oltre che dettando nuovi criteri nella selezione della classe dirigente, con progressi che continuano a manifestarsi grazie alla solidità e alla corposità dei temi connessi all’ambientalismo e al femminismo. Continue reading “Ambientalismo, femminismo, etica sociale : per un nuovo Umanesimo”

CANOVA E L’ANTICO. Dal 28 marzo al 30 giugno 2019 al Museo Archeologico Nazionale Napoli

di Rossella D’Antonio

[…] Conviene sudar dì e notte su’ greci esemplari, investirsi del loro stile, mandarselo nel sangue, farsene uno proprio coll’aver sempre sott’occhio la bella natura, col leggervi le stesse massime […]

Antonio Canova

[…] “Imitare, non copiare gli antichi” per “diventare inimitabili” […]

Johann Joachim Winckelmann

La mostra presente al Museo Archeologico di Napoli espone la cultura neoclassica del grande scultore nel tempio partenopeo del classicismo. Il “contenitore” è l’ideale per mostrare un continuo dialogo fra il passato lontanissimo dell’arte classica e quello antico dell’arte neoclassica, fino a noi. Testimonianza che essa e il tempo sono compagni indissolubili e giungono fino a oggi con una straordinaria e inscalfibile modernità. Un’occasione unica che rende, specularmente, più antico il Canova e più moderno l’antico. Continue reading “CANOVA E L’ANTICO. Dal 28 marzo al 30 giugno 2019 al Museo Archeologico Nazionale Napoli”

Un papero Fantastico. A Cava de’ Tirreni la mostra QuattroVoltePaperino – nei giorni del suo compleanno

di Vincenzo Curion

È aperta fino al 16 giugno prossimo la mostra “Quattro volte Paperino” presso la Mediateca MARTE in Cava de’ Tirreni.

Il centro culturale, sito ai margini del Borgo Scacciaventi, di fronte alla Chiesa del Purgatorio, conserva l’originaria facciata della Chiesa di S. Giovanni Battista, edificata tra il 1640 e il 1650. Dopo un focus sui maestri dell’arte del Novecento cominciato con Chagall nel 2015, Mirò nel 2016, proseguito con Picasso nel 2017 e Andy Warhol nel 2018, dal 16 febbraio scorso gli spazi espositivi del primo piano dell’edificio, ospitano la mostra dedicata al collerico, pasticcione, indolente Papero, nato dalla penna di Walt Disney. L’attuale rassegna cavese, vuole così celebrare il fumetto come fenomeno culturale ampiamente conosciuto e condiviso a tutti i livelli.

Il papero in casacca da marinaio, come testimonia un sondaggio svoltosi in occasione del numero 3000, tra il lettori della testata Topolino rappresenta uno dei più amati e preferiti personaggi della Walt Disney. Dall’esordio nel cortometraggio “La gallinella saggia del 1934 (più volte girato in TV negli ultimi giorni) e, nello stesso anno, nei fumetti della serie Sinfonie allegre è stato un crescendo di popolarità e di preferenze per il papero antropomorfo, che era stato inizialmente pensato come un personaggio di passaggio. Il mito è cresciuto talmente tanto che ha spinto gli autori a separare le linee narrative di Topolino e di Paperino che, originariamente, erano nate intrecciate. Accanto a Topolino si è evoluto, nel ruolo di comprimario e spalla, il personaggio di Pippo. Continue reading “Un papero Fantastico. A Cava de’ Tirreni la mostra QuattroVoltePaperino – nei giorni del suo compleanno”

Mitra a Santa Maria Capua Vetere

Un’occasione da non perdere, anche dopo l’inaugurazione. Santa Maria Capua Vetere, sede di uno splendido anfiteatro che entusiasma come gli altri numerosi della Campania, offre questa mostra di Mitra come occasione di visite e scampagnate alla ricerca dei tanti tesori nascosti dell’Italia meridionale. Dopo aver guidato i turisti allo scoperta dell’Appia, qualche mese fa.

Il pensiero degli archeologi è fantasia estrema e insieme scienza attentamente determinata, in un percorso più intrecciato che in altre attività di ricerca. Sa ricostruire dai sogni più avventurosi una realtà storica impossibile da indagare con altro sistema dell’analogia e della coerenza interna: indovinare come si gioca un gioco è impossibile se non si trovano le regole; conoscere una lingua antica si può solo se una stele ce ne dà una lettura. Dove tutto ciò non c’è, dove solo cocci e forme tracciate a stento restano di una antica mente poetica: allora la sola salvezza dell’antico si affida alla fantasia di un archeologo, disse John Ruskin, uno degli scopritori della Britannia Romana, donando agli uomini di oggi il fascino dei tempi dell’aurora.

W Redazione Mitra a Santa Maria Capua Vetere

La Questione meridionale

torna, nel libro Il Salotto di Via Vittoria Colonna di Antonio Sarubbi.

Se ne è parlato al Centro Dorso di Avellino, Circolo della Stampa.

di C. Gily Reda

Si vota per le elezioni europee: dunque in nostro numero 10 compare prima del solito: per evitare il terremoto che comunque ci sarà Mentre è opportuno riparlare di questione meridionale, per smettere di trattarla in modo indebito: lo diceva, si vedrà nei prossimi numeri, persino Antonio Gramsci – il cui giornale esce oggi a firma di Maurizio Belpietro – a sottolineare il dileggio cui ormai si abbandonano i leghisti.

Wolf ha sempre manifestato l’interesse per l’Europa unita, pubblicando sui temi del Partito d’azione più di qualsiasi testata attuale: l’Europa fu di certo il frutto lasciato in eredità all’Europa da quel piccolo fulmine benefico che fu il Pd’a, ridotto in cenere dall’eccesso di fiamme, ma sotterraneamente agente sempre, con la sua prospettiva liberaldemocratica e socialista, coi tanti intellettuali, politici e giornalisti, che vi parteciparono. E l’attenzione di tutti da domani si concentrerà sull’Europa. Continue reading “La Questione meridionale”