Eduardo Vittoria

di Franco Lista

Eduardo Vittoria nasce a Napoli nel 1923 e qui si laurea in architettura, iniziando una collaborazione con Luigi Piccinato e Luigi Cosenza. I suoi interessi culturali e ideologici sono ampi e con profonde radici, tali da costituire un rilevante sostrato alla sua ricerca che si completa nella assorbente esperienza olivettiana di Ivrea.
E’ poi preso sia dal coinvolgente impegno politico, come assessore nella giunta comunale di Maurizio Valenzi a Napoli, sia dall’attività in ambito universitario di docente, creatore di nuove…

GF Saggi Lista Eduardo Vittoria

Ricordando Mario De Cunzo, il soprintendente illuminato

di Anna Savarese (Architetto di Legambiente Campania)

Legambiente Campania ha accolto con estremo piacere l’invito di OSCOM a svolgere a Sant’Aniello a Caponapoli un incontro seminariale per ricordare Mario De Cunzo, architetto, formatosi alla scuola di Roberto Pane, percorrendo la sua lunga carriera di capo dell’ufficio ministeriale ai beni ambientali, storici e paesaggistici prima di Avellino e Salerno e poi di Napoli, nominato da Cossiga cavaliere della Repubblica, professore di Analisi dei centri storici all’Università Suor Orsola Benincasa.

GF Saggi Savarese Ricordando Mario De Cunzo, il soprintendente illuminato

Tra Estetico ed Estatico

di Franco Lista

E’ forse discutibile rimpiangere e vagheggiare i valori perduti di un grande artigianato artistico ormai trascorso? Una domanda ancora aperta se è vero che gli “orti conclusi” della nostalgia e del desiderio irresistibile del passato sono, in questo confuso momento dell’espressività artistica, tornati al centro di molti campi della cultura, della critica e dell’arte.

Certo, si può dichiarare, riprendendo Argan, che oggi “non sapendo più rivivere il passato lo si rivisita, non sapendo interpretare si cita; e la storia…

GF Saggi Lista Tra Estetico ed Estatico

La Laudato si’ di papa Francesco: etica e spiritualità della cultura ecologista

di Anna Savarese

Il Cantico delle creature rappresenta il superamento della primigenia visione cristiana della Natura, che aveva prodotto la “demonizzazione” del “bosco sacro”, luogo sacro per eccellenza di contatto tra l’umano e le divinità pagane, pieno di vita, di cibo, di legna, di erbe medicamentose, ma anche pericoloso perché infestato da belve, rischioso perché in esso ci si può smarrire o incontrare satiri, fauni, ninfe, divinità a volte benevoli, ma spesso anche malevoli, da ingraziarsi con preghiere, danze, riti e sacrifici…

GF Estetica Savarese La Laudato si’ di papa Francesco