Vesuvius Film festival

di Redazione

INTERNATIONAL VESUVIUS FILM FESTIVAL

Concorso di Cortometraggi del Sociale e delle Arti

II EDIZIONE

La seconda edizione del “Vesuvius Film Festival” è organizzata dall’Associazione Arteggiando in collaborazione con la casa di produzione Sly Production e con l’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Direttore artistico del festival Arch. Giovanna D’Amodio, Presidente Associazione Arteggiando.

Il festival, che nasce come concorso di cortometraggi, aspira a divenire nella sua evoluzione una vetrina per la promozione di film di interesse sociale e culturale appartenenti al circuito del cinema indipendente e non solo. Luogo ideale per vivaci confronti tra gli addetti hai lavori del mondo audiovisivo (produttori, autori e distributori, e il pubblico di riferimento), il festival promuove la conoscenza e la diffusione di prodotti di alto valore artistico, capaci di contribuire alla crescita culturale e alla formazione di una matura coscienza critica nei giovani.

Madrina del Festival Marta Krevsun.

– 17 dicembre ore 12.00 conferenza stampa presso la Sala Giunta del Comune di Caserta. Interverranno: Arch. Giovanna D’Amodio, Presidente Associazione Arteggiando; Dott. Silvestro Marino, Presidente della Sly Production; il Dott.Carlo Marino, Sindaco di Caserta; Dott. Emiliano Casale, Assessore alle attività produttive; Dott.ssa Tiziana Petrillo, Assessore alla cultura; Dott. Vittorio Giorgi, Console dell’Uzbekistan. Modera Daniela Volpecina.

-18 dicembre ore 10:00 workshop “ Didattica della bellezza: RAGIONIAMO” con gli studenti presso la Sala Consiliare del Chiostro di Santa Maria la Nova a cura della Prof.ssa Clementina Gily docente di “Estetica” all’Università Federico II di Napoli.

-19 dicembre ore 10:00 workshop “ Didattica della bellezza: RAGIONIAMO” con gli studenti presso la Sala Cirillo nel Palazzo della Provincia a Napoli

-20 dicembre ore 11.00 convegno “stalking e violenza sulle donne” a cura dello Psichiatra Prof. Piero Prevete, Dirigente ASL NA1 Centro; del Prof. Paolino Cantalupo, psichiatra e Docente di Psicologia Clinica e di Psicodinsmica; del Magistrato Avv. Paolo Coppola, il convegno si svolgerà presso la Sala Consiliare del Chiostro di Santa Maria la Nova a Napoli. Interverranno: Dott. Gerry Danesi, Console Onorario del Nicaragua; Dott.ssa Giovanna Fiume, Presidente associazione “Donne a Testa Alta”, Dott. Maurizio Vitiello, Responsabile Area Cultura e Arti Visive del Dipartimento Campania dell’Associazione Nazionale Sociologi; Prof. Luigi Caramiello, docente di “Sociologia dell’arte” all’Università Federico II di Napoli; Prof. Ferdinando Tramontano, sociologo ANS, Presidente di Vision Vittimologia.

-21 dicembre 18:00 proiezione dei cortometraggi selezionati e proclamazione dei vincitori presso il cinema Duel di Caserta, in tale sede verrà data la possibilità al pubblico presente di fungere da giuria popolare;

W Eventi Redazione Vesuvius Film festival

Sarno, dodici anni di nuvole parlanti

di Vincenzo Curion

Si è chiusa a Villa Lanzara Del Balzo in Sarno, la dodicesima mostra annuale dedicata al fumetto. La mostra era inserita nella locandina delle manifestazioni della quinta edizione di Settembre libri, la manifestazione organizzata, con il patrocinio del Comune di Sarno, per sostenere e diffondere la cultura della lettura tra gli alunni delle scuole dell’agro sarnese e della provincia di Napoli. L’evento dedicato al mondo delle strisce di carta, completa il discorso culturale e arriva in concomitanza…

W Eventi Curion Sarno, dodici anni di nuvole parlanti

Il buco nero della rete: il lato oscuro del web

di Vincenzo Curion

“non c’è bisogno di andare sul deep web per rischiare di imbattersi in materiale rubato o in materiale che cade nella zona grigia della pornografia e in quella nera della pedopornografia. “Basti pensare, ha aggiunto il dirigente, “che molto spesso riceviamo segnalazioni di truffe e di raggiri anche su semplici siti di e-commerce, dove si organizzano vendite tra privati di prodotti di ‘seconda mano’”.

W Eventi Curion Il buco nero della rete – il lato oscuro del web

Saper vedere una mostra d’arte – Il Senso del sacro. I ragazzi del Genovesi e del Galiani alla mostra

di Gily Reda

Refettorio di San Domenico Maggiore, Napoli
Refettorio di San Domenico Maggiore, Napoli

ITES F. Galiani
Janaina Cavanna III A

Il giorno 17 ottobre del 2018 le classi sono andata, insieme alle classi III A e V A dell’Ites F. Galiani presso San Domenico Maggiore, in occasione della mostra d’arte “Il senso del Sacro” organizzata dalla curia di Napoli.

Nell’attesa dell’arrivo di tutti i compagni abbiamo conosciuto e giocato con il “genio della matematica”.

All’interno del bellissimo convento nella Sala del Capitolo si sono esposti concetti riguardanti la mostra e la Prof.ssa Gily che introduceva i lavori ha mostrato anche alcuni progetti realizzati sul tema del sacro dai bambini e ragazzi la primavera scorsa. Abbiamo visto gli studenti del Carducci di Nola nell’alternanza scuola-lavoro – facendo i ciceroni al Museo di Capodimonte; i ragazzi del De Nicola hanno girato un filmato bellissimo sul sacro di 1.55 minuti, che ha meritato l’applauso di tutti. Abbiamo avuto così uno spunto per un nostro progetto di alternanza scuola-lavoro dedicato al turismo culturale. Un’altra idea nata in questa giornata è stata quella di realizzare un filmato sul bullismo da realizzare con l’aiuto dei docenti, per partecipare ad un concorso per filmati, con una sezione giovani.

È intervenuto alla discussione anche il nostro Preside, M. Ugliano, che ha ricordato l’importanza, nell’educazione di progetti incentrati sulla pedagogia della bellezza.

In seguito, finita la presentazione dell’evento, ci siamo spostati nella vicina Sala del Refettorio, nella foto, dove 40 pittori napoletani contemporanei hanno esposto le loro opere sul tema del sacro, create specificatamente per questa occasione.

Tra le diverse opere ci è stato chiesto di scegliere quella che per ognuno di noi la più bella e spiegare anche il motivo e le sensazioni che provavano nel guardare quelle opere.

Io ho scelto il quadro di Carlo Cordua, “Di nulla” perché mi dava senso di libertà e serenità e immensità.

Questa giornata mi è piaciuta perché è stata un’ occasione per stare insieme alla mia classe, e per conoscere al meglio la piazza San Domenico Maggiore. Questa giornata mi è anche piaciuta perché ho visto tanti quadri nuovi. Più di una giornata scolastica perché abbiamo capito un po’ di cose sull’alternanza scuola – lavoro e ci ha dato diverse idee per fare ciò.

…seguono i commenti degli studenti ai quadri nel PDF

W Eventi Saper vedere una mostra d’arte – Il Senso del sacro

Il blu di Michele Roccotelli, alla Mostra “Il Senso del Sacro”

(a San Domenico Maggiore, Napoli, fino al 20 ottobre)

di C. Gily Reda

Luminescenze e finestre valgono per Roccotelli a far entrare il colore della vita quotidiana nella tela. Restituisce lo sguardo di una giornata felice, una di quelle in cui il mondo sembra degno della definizione di Leibniz: che questo sia il migliore dei mondi possibile – e non c’è un Voltaire a gridare “svegliati!” a Candide.

Ma non è un ingenuo l’artista, come non era ingenuo Leibniz. Il male del mondo, il buio, sono realtà cui purtroppo nessuno può trovare scappatoie; l’ansia è la prima caratteristica del sentire dell’uomo, forse del vivente in ogni sua forma, il suo modo d’intendere il pericolo e fare che la paura invece di bloccare stimoli l’ingegno. E nasce il coraggio, il sapere che…

W Eventi Gily Il blu di Michele Roccotelli, alla Mostra “Il Senso del Sacro”

Vent’anni OSCOM a Pompei con CAMPANIA MAZE

di Gily Reda

Campania Maze compie questo autunno 20 anni. Ne davamo l’annuncio in dicembre 2017, annunciando che il percorso è segnato da un primo articolo su Galassia Gutenberg di Wolf, a Napoli Città Libro, cui abbiamo aderito quando il comitato iniziava, ed aveva questa immagine: lo ricordo per confermare che la formazione estetica educa alle immagini come ai libri – ma la scarsa formazione multimediale a scuola porta a privilegiare quest’ultimo, tanto da parlare nell’acronimo OSCOM, Osservatorio di comunicazione e di Ortotesti Multimediali. Ortotesti: tutti scriviamo immagini, ma se impariamo ed insegniamo a confezionare secondo le regole foto e filmati, otterremo una buona educazione all’immagine. Come si fa per i testi scritti, insomma.

W Gily Vent’anni OSCOM a Pompei con CAMPANIA MAZE