Categoria: Mondo ambiente

Emergenza climatica: incendi in Siberia e fusione dei ghiacci in Groenlandia

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Olga Kozulina ha indirizzato questa petizione a Ministero delle Emergenze della Federazione Russa e ora ha già raccolto 1.200.000 firme

https://www.change.org/p/si-dichiari-lo-stato-di-emergenza-in-siberia-per-gli-incendi-delle-foreste

Da diverse settimane gli incendi stanno devastando la Siberia: ad essere colpite sono principalmente le regioni di Irkutsk e Kranoyarsk. I fumi prodotti dai roghi si diffondono nelle aree confinanti e il cielo risulta essere coperto fino a 400 miglia dall’epicentro degli incendi.

Mentre le persone che vivono a Krasnoyarsk devono indossare ogni giorno le maschere per respirare, le autorità ancora non hanno dichiarato lo stato d’emergenza in Siberia. Questa cosa sarebbe molto importante dal momento che vorrebbe dire avere più risorse – sia in termini finanziari che in termini di personale – per affrontare gli incendi e le sue conseguenze. Una volta che lo stato di emergenza è dichiarato le autorità sono poi obbligate a coordinare direttamente e in prima persona queste task force di emergenza fino alla soluzione del disastro in atto. Continue reading “Emergenza climatica: incendi in Siberia e fusione dei ghiacci in Groenlandia”

Ursula Von Der Leyen, prima donna eletta Presidente della Commissione Europea

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Con l’annuncio di Davide Sassoli, neopresidente del Parlamento Europeo, il 16 luglio è stata proclamata Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen, prima donna ad assumere tale incarico.

A suo favore si è espresso, anche se in maniera non compatta, lo schieramento delle forze europeiste rappresentato dal gruppo dei Popolari, di cui lei fa parte, dai Socialisti e Democratici e da Renew Europe, i liberal-centristi di Macron, L’elezione è stata di stretta misura, con soli 9 voti di scarto. Infatti i voti a favore sono stati 383 voti e 327 i contrari su 733 votanti con una maggioranza prevista di 374 voti. Dalle dichiarazioni dei gruppi europei emerge che il risultato finale si deve anche al sostegno di europarlamentari del Movimento Cinque Stelle, a fronte di mancati voti di parlamentari della stessa maggioranza (stimati addirittura in 75). Continue reading “Ursula Von Der Leyen, prima donna eletta Presidente della Commissione Europea”

Addio a Giorgio Nebbia, grande interprete dell’ambientalismo scientifico italiano e pioniere dell’economia circolare

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Giorgio Nebbia, un altro grande padre dell’ambientalismo scientifico italiano, è recentemente scomparso, all’età di 93 anni.

Laureatosi in Chimica nel 1949 è stato professore ordinario di Merceologia presso la Facoltà di Economia dell’Università di Bari, incarico ricoperto dal 1959 fino al 1995, quando divenne professore emerito.

Grazie alla sua attività di ricerca sul ciclo delle merci, ha dato contributi scientifici e di indirizzo al movimento ecologista sviluppatosi a cavallo degli anni ’80, battendosi contro il nucleare, riproposto in Italia anche dopo il disastro di Chernobyl con i due Referendum del 1987 e del 2011, e contro gli sversamenti illeciti delle industrie. Basti pensare alla lotta portata avanti con una causa durata quattro anni dal 1984 al 1988 contro lo scarico a mare di 3200 tonnellate di fanghi al fosforo che la Montedison trasportava su una nave ogni giorno da Marghera all’Adriatico contribuendo alla sua eutrofizzazione. E, forte delle sue competenze sul ciclo della materia e anticipando l’economia circolare, Giorgio Nebbia dimostrò che, in un’ottica di conversione ecologica delle imprese, i fanghi essiccati potevano diventare sottofondo stradale, coniugando salvaguardia dell’ambiente e sviluppo economico. Continue reading “Addio a Giorgio Nebbia, grande interprete dell’ambientalismo scientifico italiano e pioniere dell’economia circolare”

L’apartheid climatico: gli ‘ultimi’ sono i ‘primi’ a pagare gli effetto dei cambiamenti climatici. Ambiente first!

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

A fronte di una temperatura media di 27° registrata a fine giugno negli ultimi venti anni, nei giorni scorsi ci siamo trovati a sopportare in quasi tutta Europa picchi anche di 40°, causati dall’ anticiclone del Nordafrica che ha prodotto ondate di fuoco che dall’Africa si sono proiettate nel nostro continente.

Ogni nazione ha dovuto prendere i provvedimenti del caso. La Francia, memore delle 15 mila persone morte nel 2003 – seppure nel mese di agosto e non di giugno – ha adottato provvedimenti drastici, addirittura procrastinando gli esami di maturità e informando costantemente i cittadini su tutti i mezzi di comunicazione e con pannelli per strada e nelle metro. In Italia il Ministero della Salute pubblica ogni giorno sul suo sito il “Bollettino sulle ondate di calore”, ha preannunziato che le temperature massime di fine giugno sarebbero state di 35° con picchi di 40° nelle città designate con bollino rosso. Continue reading “L’apartheid climatico: gli ‘ultimi’ sono i ‘primi’ a pagare gli effetto dei cambiamenti climatici. Ambiente first!”

Ambientalismo, femminismo, etica sociale : per un nuovo Umanesimo

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

L’ambientalismo, nella sua strutturazione ed espansione dagli anni ‘70 del secolo scorso, ha indubbiamente avuto contiguità, nelle elaborazioni teoriche e nei modelli organizzativi e di radicamento nella società, col femminismo. Entrambi i movimenti hanno teso a svilupparsi al di fuori ed oltre le composizioni partitiche e le rigide strutture spesso verticistiche ed auto referenziali di tante organizzazioni preesistenti, pure in parte sensibili alle tematiche trattate. Allo sfruttamento della natura facevano da contraltare millenni di oppressione delle donne, generati entrambi da una visione del mondo inaccettabile e da cambiare.

Il patrimonio di esperienze e i traguardi raggiunti da entrambi i movimenti, sia pure con fasi alterne rispetto al grado di impatto e al tipo di ricaduta registrati sulla Politica, hanno prodotto risultati significativi in tutti i campi, inducendo trasformazioni anche nei modelli di produzione, di consumo e relazionali, oltre che dettando nuovi criteri nella selezione della classe dirigente, con progressi che continuano a manifestarsi grazie alla solidità e alla corposità dei temi connessi all’ambientalismo e al femminismo. Continue reading “Ambientalismo, femminismo, etica sociale : per un nuovo Umanesimo”

Il clima è già cambiato: la Campania lancia la sfida per l’Europa

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Il countdown che ci fa temere di toccare la soglia di innalzamento di 1,5° in soli dodici anni e non a fine secolo come previsto dall’Accordo di Parigi continua a scorrere, anche in vista delle elezioni europee.

Nel parlamento che sarà eletto, il problema del cambiamento climatico costituirà una delle più importanti sfide da affrontare se non addirittura la principale.

Infatti, a dispetto di ogni negazionismo, ormai l’emergenza climatica è ben visibile a tutti, manifestandosi con le sempre più diffuse e frequenti alluvioni e siccità, danni alle infrastrutture e perdite di vite umane a seguito dell’innalzamento della temperatura del Pianeta. Continue reading “Il clima è già cambiato: la Campania lancia la sfida per l’Europa”

Insieme per la difesa del clima dal 15 marzo 2019: Lo sciopero mondiale per il futuro

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Finalmente ci si mobilita per il Clima!

Dopo la deludente conclusione della COP 24 tenutasi nel dicembre scorso a Katowice, in Polonia, si stanno moltiplicando le adesioni al movimento #FridaysForFuture fino a convergere da tutte le parti del mondo sul Global Strike For Future del 15 marzo.

In realtà il #FridaysForFuture era nato già nell’agosto dello scorso anno, per l’iniziativa, divenuta subito esponenzialmente mediatica, della svedese Greta Thunberg, la giovane di appena 15 anni che ha manifestato davanti al parlamento per tre settimane per chiedere azioni concrete di contrasto agli effetti dei cambiamenti climatici. Dal 20 agosto Greta ha deciso di non andare a scuola, di scioperare, fino alle elezioni generali del 9 settembre e dall’8 settembre manifesta ogni venerdì con l’impegno di farlo fino a che il suo stato non si adopererà per abbassare la temperatura di 2°C, in adesione all’Accordo di Parigi (COP 21). Continue reading “Insieme per la difesa del clima dal 15 marzo 2019: Lo sciopero mondiale per il futuro”

Il IX Atlante dell’infanzia a rischio “Le periferie dei bambini” di Save the Children

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Per il terzo anno consecutivo la Treccani ha pubblicato a fine novembre 2018 il IX Atlante dell’infanzia a rischio prodotto da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che dal 1919 opera a difesa della vita dei bambini.

L’Atlante, intitolato “Le periferie dei bambini”, è curato da Giulio Cederna ed è un compendio prezioso di dati ricavati attraverso varie collaborazioni (in particolare con l’ISTAT, con gli uffici statistici del MIUR e dell’INVALSI, con l’ufficio studi della Caritas Italiana) con l’aggiunta di cartografie delle periferie utili a mappare i divari esistenti tra le varie aree delle città metropolitane in termini di risorse economiche e culturali, di servizi e accesso all’istruzione, di quantità e qualità degli spazi urbani, verdi e ricreativi, cui corrispondono i diversi livelli di offerta educativa per bambini ed adolescenti.

L’edizione di quest’anno, come si evince dal titolo, intende correlare le politiche dedicate ai bambini e agli adolescenti al tema della distanza dal centro della “periferia” nella sua duplice accezione, fisica e spaziale da un lato e socio-economica e politica dall’altra. Continue reading “Il IX Atlante dell’infanzia a rischio “Le periferie dei bambini” di Save the Children”

Salviamo il Complesso degli Incurabili

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Nel giro di pochi mesi si è prodotta un’accelerazione del dissesto che interessa il Complesso degli Incurabili: il 6 febbraio si è aperta una voragine nel cortile del nosocomio, il 24 marzo è sprofondato il pavimento della chiesa di Santa Maria del Popolo che si trova nel complesso ospedaliero, il 6 aprile la situazione si è aggravata con l’apertura di crepe profonde che hanno indotto i vigili a imporre all’ASL di evacuare tutta l’ala del complesso in cui hanno sede la chiesa (del 1530), la storica farmacia e alcuni uffici, il trasferimento dei pazienti in altri ospedali e l’allontanamento e la sistemazione delle 21 famiglie che abitano nel complesso in altri siti temporanei, con l’ipotesi di utilizzare poi il patrimonio immobiliare dell’Asl Napoli 1 Centro. Continue reading “Salviamo il Complesso degli Incurabili”

Marine litter: quali strumenti per contrastare il dilagare del fenomeno?

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Il grande scalpore destato dal recente spiaggiamento a Porto Cervo del capodoglio femmina con in pancia un feto morto e ben 22 chili di plastica “indigesta” ha, pur nella sua gravità, dato risalto alla novità prodottasi proprio il giorno prima dell’evento.

Infatti Il 27 marzo, a Strasburgo, il Parlamento europeo ha dato parere positivo alla votazione della direttiva che riguarda la messa al bando sul territorio europeo di alcuni oggetti in plastica monouso. Tali oggetti se non smaltiti correttamente, finiscono troppo spesso in mare, passando per i fiumi e i laghi. L’Europa è, infatti, il secondo maggiore produttore di plastica al mondo dopo la Cina e riversa in mare ogni anno tra le 150 e le 500mila tonnellate di macroplastiche e tra le 70 e 130mila tonnellate di microplastiche.

Il voto ha fatto seguito all’accordo raggiunto nel dicembre 2018 da parte dell’Europarlamento con il Consiglio, introducendo in questo anche dei miglioramenti. Questi sono scaturiti dalla volontà di vietare alla fonte, e cioè alla produzione e al consumo, alcuni oggetti di ampia diffusione, che costituiscono il 70% di tutti i rifiuti marini, di cui esistono “alternative ecologiche facilmente disponibili”. Continue reading “Marine litter: quali strumenti per contrastare il dilagare del fenomeno?”

La femmina di capodoglio spiaggiata a Porto Cervo col ventre colmo di plastica

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

Il capodoglio – lutto ecologico
Il capodoglio – lutto ecologico

Le immagini sconcertanti dell’esemplare femmina di capodoglio la cui carcassa è approdata a Cala Romantica di Porto Cervo il 28 marzo sono un atto di accusa che rimanda alle nostre responsabilità e ai nostri errati stili di vita e modelli produttivi che impattano sulla biodiversità.

Aver trovato ad occupare i due terzi dello stomaco del cetaceo, un esemplare lungo otto metri e mezzo e pesante otto tonnellate, ben 22 chili di plastica ci dà la dimensione dello stato in cui versa il bacino del Mediterraneo.

Luca Bittau il biologo che con la sua associazione, la Onlus SeaMe Sardegna, che si occupa di tutela e conservazione del mare, è intervenuto insieme all’istituto zooprofilattico sardo per il recupero dell’animale, ha precisato che i capodogli vivono nel Mediterraneo senza varcare mai l’Oceano per cui la plastica trovata nello stomaco proviene senza dubbio dai fondali del Mediterraneo, nemmeno dalla superficie perché questi cetacei “pescano” il loro nutrimento nelle profondità marine. Continue reading “La femmina di capodoglio spiaggiata a Porto Cervo col ventre colmo di plastica”