Tag: Francesco Villano

Formia ospita il rione SANITÀ con l’Ass. Confronti

di Franco Villano

Sabato 18 febbraio, a Formia, nella sala Ribaud del Comune, si è svolto l’ottavo degli incontri previsti per la sesta stagione di attività dell’Associazione Confronti.

Ospiti della serata sono stati Don Antonio Loffredo, notissimo parroco della Basilica di Santa Maria e San Severo alla Sanità, uno dei più complessi e difficili quartieri di Napoli; la scrittrice Chiara Nocchetti che ha recentemente pubblicato il libro ”Vico Esclamativo-Voci del rione Sanità”, che racconta alcune delle storie più incisive e toccanti, storie di riscatto, dei giovani del rione; e Giuseppe, uno dei fantastici ragazzi del quartiere che, oltre alla sua testimonianza di vita, ci ha anche letto qualcuna delle storie del libro di Chiara. Il tutto è iniziato attraverso la presentazione di un filmato inerente il rione, la sua storia, la sua cronaca, fatta di luci e ombre, ed è proseguito con la testimonianza, di Don Antonio. Continue reading “Formia ospita il rione SANITÀ con l’Ass. Confronti”

La filosofia Arabo-Islamica

di Francesco Villano

Iniziamo focalizzando l’attenzione su di un fenomeno che troppo spesso sfugge alla nostra comprensione, ma che riveste un’importanza straordinaria nella corretta percezione che ogni civiltà dovrebbe avere di sé. Parafrasando un celebre titolo di un libro del grande mistico cristiano, Thomas Merton: “Nessun uomo è un isola”, possiamo affermare che nessuna cultura o civiltà, di ogni tempo e ogni luogo, abbia avuto origine e si sia sviluppata da sé sola, da un “nulla” iniziale, ma che ci sia stata sempre una circolazione e un mutuo scambio di saperi, alle volte più intenso, altre volte meno, a conferma, se ce ne fosse bisogno, che la famiglia umana è ed è stata sempre una. A sostegno di questa tesi possiamo citare Burkert Walter, il grande storico della filosofia greca. Egli ha sottolineato come: “il pensiero filosofico greco, pur imponendosi come modello epistemologico, nasca debitore nei confronti della tradizione orientale. La prima filosofia greca deve molto alle tradizioni precedenti e orientali, in particolare alla ricchissima fonte di tradizioni costituita dai miti cosmogonici e dalla letteratura sapienziale. Per rimanere nel campo degli esempi più segnatamente scientifico, basta ricordare quanta parte ebbero, nell’opera dei pre-socratici, la matematica e l’astronomia mesopotamica, la cosmogonia dell’acqua in Talete, la uranografia iranica in Anassimandro, l’ordine cosmologico e la percezione del tempo così come erano stati tramandati dalla letteratura sapienziale accadica”. Continue reading “La filosofia Arabo-Islamica”

Migrazione di Saperi

di Franco Villano

Parafrasando una celebre titolo di un libro del grande mistico cristiano, Thomas Merton, ripresa da John Donne, “Nessun uomo è un’isola”, possiamo affermare che nessuna cultura o civiltà, di ogni tempo e ogni luogo, abbia avuto origine e si sia sviluppata da sé sola, da un “nulla” iniziale, ma che ci sia stata sempre una circolazione e un mutuo scambio di saperi, alle volte più intenso, altre volte meno, a conferma, se ce ne fosse bisogno, che la famiglia umana è ed è stata sempre una.

Possiamo citare Walter Burkert, il grande storico della filosofia greca, che ha sottolineato come: “il pensiero filosofico greco, pur imponendosi come modello epistemologico, nasca debitore nei confronti della tradizione orientale. La prima filosofia greca deve molto alle tradizioni precedenti e orientali, in particolare alla ricchissima fonte di tradizioni costituita dai miti cosmogonici e dalla letteratura sapienziale. Per rimanere nel campo degli esempi più segnatamente scientifico, basta ricordare quanta parte ebbero, nell’opera dei pre-socratici, la matematica e l’astronomia mesopotamica, la cosmogonia dell’acqua in Talete, la uranografia iranica in Anassimandro, l’ordine cosmologico e la percezione del tempo così come erano stati tramandati dalla letteratura sapienziale accadica”. Continue reading “Migrazione di Saperi”

Nilo Cardillo e una lezione su Platone

di Franco Villano

Sabato 16 febbraio, a Formia, nella sala Ribaud del Comune, si è svolto il quinto degli incontri previsti per la sesta stagione di attività dell’Associazione Confronti. Il relatore della serata, tra gli amici più affezionati e prestigiosi di Confronti, è stato il Prof. Nilo Cardillo, intellettuale di spicco che all’attività di docente come professore di Storia e Filosofia e poi di preside, ha sempre unito la ricerca e l’impegno sociale. La relazione, o per meglio dire, la lezione, che il professore ha offerto al numeroso ed attento pubblico, tra cui tantissimi insegnanti, ha avuto come tema: ”Platone e la sua Repubblica”. Il relatore, in due ore intense, ha letteralmente catturato l’attenzione dei presenti con un argomentare denso di contenuti e fluido nel suo articolarsi. Prima di inoltrarsi nella descrizione del capolavoro di Platone, Cardillo ha illustrato e descritto in modo chiaro e puntuale il contesto temporale e geografico, non solo greco, all’interno del quale è maturata l’opera del filosofo greco. Tra l’altro ha fatto riferimento all’Età Assiale, teorizzata dal filosofo Karl Jasper, quell’epoca della storia umana, intorno al 500 a.C., che ha visto una nuova coscienza incarnarsi nella vita umana, attraverso personalità eccezionali tra cui, oltre a Platone:

Continue reading “Nilo Cardillo e una lezione su Platone”