Tag: Redazione

Premio Letterario Nazionale ‘Mario Lodi’

ASSOCIAZIONE per la RICERCA e la PROMOZIONE delle PRATICHE di FILOSOFIA DIALOGICA nella SCUOLA e nella SOCIETA’ (Sede legale presso il Dipartimento FISSU dell’Università di Perugia)

www.amicasofia.it 

L’Associazione Amica Sofia 

con il patrocinio di 

[OSCOM-Università di Napoli Federico II / Rete di scuole “La biga alata”]

In collaborazione con

Bbook Festival – Casa d’arte Visioni mediterranee bandisce la 

Prima Edizione del Premio Letterario Nazionale ‘Mario Lodi’ La filosofia con i bambini come nuova paideia 

Un percorso di riflessione per mantenere vivo lo stupore e la curiosità nei bambini, attraverso la lettura e la scrittura

 Bando di partecipazione  Continue reading “Premio Letterario Nazionale ‘Mario Lodi’”

Enrico III e Giordano Bruno

di Redazione

Enrico III di Valois
Enrico III di Valois

Enrico III apprezzò Giordano Bruno per la sua arte della memoria che lo rendeva capace di affabulare ed incantare tutti – pensò perciò di affidargli un compito cui teneva tanto, tenere contatti con Maria di Scozia. Lo accompagnò al suo ambasciatore presso la Regina d’Inghilterra, Michel de Castelnau, che lo ospitò nella sua casa forse anche con segrete…

 

 

W Narrazioni Redazione Enrico III e Giordano Bruno

Campania Maze dal 2008 al 2018: dal primo atto ad oggi

di Redazione

documentazione del decennale

patrocini del primo documento sottostante

Settimana Santa 2008 NAPOLI
OSCOM Federico II organizza

CAMPANIA MAZE

1 WOLF 2018 N. 17 OSCOM: Da Galassia Gutenberg a Napoli Città Libro – Vent’anni Oscom

2 WOLF 2018 N. 19 Vent’anni OSCOM a Pompei con CAMPANIA MAZE

3 WOLF 2018 n. 20 OSCOM a Pompei. Anniversari e voglia di tornare

4. WOLF 2018 N 21 Campania Maze dal 2008 al 2010: Pompei

5. WOLF 2018 n. 23 Campania Maze – Augmented Teaching

Mario De Cunzo e Clementina Gily Reda – che dirigono le attività con Riccardo Dalisi, Giuseppe Antonello Leone e Franco Lista

Presentazione di Campania Maze all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Era il 2008: quest’anno purtroppo abbiamo a giugno ricordato Mario De Cunzo nella sede di Sant’Aniello a Caponapoli, dove tutto era cominciato, portando la notizia agli studenti, e poi nella sede della commemorazione ufficiale OSCOM ha portato (C. Gily Reda, Franco Lista) il ricordo della generosa attività del ‘pensionato’ Mario De Cunzo a Palazzo Reale (vedi gli articoli di Wolf).

Dagli articoli mancano ancora tante altre cose, anche col riassunto che esce nel numero, per chi non ha voglia di cercare: ad esempio non ho citato i laboratori nell’ambulacro di Palazzo Reale, davanti al teatro di Corte e alla Cappella Palatina – visitati poi dai ragazzi che si erano impegnati nei laboratori con gli artisti egli eventi in tante scuole, cito per tutte il Campo del Moricino di Piazza Mercato, il Socrate-Mallardo di Marano, il Genovesi di Nocera… se si cerca in rete, tutto è citato nel giornale e nel sito www.oscom.unina.it

L’attività di oggi era stata ancora discussa soprattutto con Mario De Cunzo:

1. il convegno “Il segno del sacro” da cui poi la Curia di Napoli ha organizzato la mostra “Il senso del sacro” a San Domenico Maggiore e poi alla Fondazione Pignatelli – dove diversi studenti hanno visitato la raccolta di opere e si sono attivati in una partecipazione documentata dai giudizi che sono in questo numero di Wolf.

2. il sostegno all’attività di formazione all’immagine presso le scuole della OSCOM Onlus, costituita dagli studenti della Federico II: sia con visite al territorio che con la costruzione di artefatti – anche con la stampante 3D

3. l’organizzazione della ricerca nelle direzioni dell’alternanza scuola lavoro per la formazione di operatori del turismo culturale, organizzando gli studenti in team con lo sviluppo del Coaching didattico (libro di C. Gily Reda, E. Mallardo,cfr. in Amazon).

4. Prosecuzione del Premio DOCARTE (dal 2011) con la variante della partecipazione al Vesuvius Film Festival dal 2017, che nel 2018 svilupperà nuove dimensioni della scrittura di documentari d’arte.

Ultima novità, nell’ambito dell’evento del Vesuvius Film Festival: un nuovo modello d’incontro, il workshop già sperimentato nel gennaio 2017 a Capodimonte (cfr. YouTube oscom)

RAGIONIAMO. È un talk show educato coi ragazzi, per creare un dialogo degno dell’agorà, dopo qualche esercizio. Il modello è il focus group, ma lo scopo non è la rilevazione qualitativa, ma l’incontro. L’appuntamento è il 18 e il 19 dicembre, come si vede nell’articolo dedicato appunto al Festival, in questo stesso numero.

Da oggi in poi speriamo ci saranno nuove attività di Campania Maze, anche dopo la fine di Mario De Cunzo – con cui però a inizio anno decidemmo di raccontare le attività del decennio.

Gli articoli di Wolf che d’ora in poi ricorderanno le attività di Campania Maze, cioè poi soprattutto della Didattica della Bellezza , non essendo partito in modo altrettanto solido il progetto turistico, riporteranno il logo. Forse il più forte legame con Legambiente Campania, molto presente anche su Wolf potrà portare al progetto nuova linfa, per trasformare il labirinto Campania in un MAZE, in un labirinto d’erba, dove non ci si perde mai, ma si ha il gusto di sentirsi perduti… e si sperimenta l’avventura senza rischiare.

altro in… GF Formazione Campania Maze IN BREVE

GF Formazione Campania Maze dal 2008 al 2018 – dal primo atto ad oggi

Vesuvius Film festival

di Redazione

INTERNATIONAL VESUVIUS FILM FESTIVAL

Concorso di Cortometraggi del Sociale e delle Arti

II EDIZIONE

La seconda edizione del “Vesuvius Film Festival” è organizzata dall’Associazione Arteggiando in collaborazione con la casa di produzione Sly Production e con l’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Direttore artistico del festival Arch. Giovanna D’Amodio, Presidente Associazione Arteggiando.

Il festival, che nasce come concorso di cortometraggi, aspira a divenire nella sua evoluzione una vetrina per la promozione di film di interesse sociale e culturale appartenenti al circuito del cinema indipendente e non solo. Luogo ideale per vivaci confronti tra gli addetti hai lavori del mondo audiovisivo (produttori, autori e distributori, e il pubblico di riferimento), il festival promuove la conoscenza e la diffusione di prodotti di alto valore artistico, capaci di contribuire alla crescita culturale e alla formazione di una matura coscienza critica nei giovani.

Madrina del Festival Marta Krevsun.

– 17 dicembre ore 12.00 conferenza stampa presso la Sala Giunta del Comune di Caserta. Interverranno: Arch. Giovanna D’Amodio, Presidente Associazione Arteggiando; Dott. Silvestro Marino, Presidente della Sly Production; il Dott.Carlo Marino, Sindaco di Caserta; Dott. Emiliano Casale, Assessore alle attività produttive; Dott.ssa Tiziana Petrillo, Assessore alla cultura; Dott. Vittorio Giorgi, Console dell’Uzbekistan. Modera Daniela Volpecina.

-18 dicembre ore 10:00 workshop “ Didattica della bellezza: RAGIONIAMO” con gli studenti presso la Sala Consiliare del Chiostro di Santa Maria la Nova a cura della Prof.ssa Clementina Gily docente di “Estetica” all’Università Federico II di Napoli.

-19 dicembre ore 10:00 workshop “ Didattica della bellezza: RAGIONIAMO” con gli studenti presso la Sala Cirillo nel Palazzo della Provincia a Napoli

-20 dicembre ore 11.00 convegno “stalking e violenza sulle donne” a cura dello Psichiatra Prof. Piero Prevete, Dirigente ASL NA1 Centro; del Prof. Paolino Cantalupo, psichiatra e Docente di Psicologia Clinica e di Psicodinsmica; del Magistrato Avv. Paolo Coppola, il convegno si svolgerà presso la Sala Consiliare del Chiostro di Santa Maria la Nova a Napoli. Interverranno: Dott. Gerry Danesi, Console Onorario del Nicaragua; Dott.ssa Giovanna Fiume, Presidente associazione “Donne a Testa Alta”, Dott. Maurizio Vitiello, Responsabile Area Cultura e Arti Visive del Dipartimento Campania dell’Associazione Nazionale Sociologi; Prof. Luigi Caramiello, docente di “Sociologia dell’arte” all’Università Federico II di Napoli; Prof. Ferdinando Tramontano, sociologo ANS, Presidente di Vision Vittimologia.

-21 dicembre 18:00 proiezione dei cortometraggi selezionati e proclamazione dei vincitori presso il cinema Duel di Caserta, in tale sede verrà data la possibilità al pubblico presente di fungere da giuria popolare;

W Eventi Redazione Vesuvius Film festival

Può essere astratta l’arte? Risponde Picasso (1)

di Redazione

“Mi riesce difficile capire l’importanza che viene data alla parola ‘ricerca’ nei riguardi della pittura moderna. Secondo me il ricercatore, in pittura, non significa nulla. Trovare: questo è il problema…. Quando io dipingo, il mio scopo è dimostrare quel che ho trovo e non quello che sto cercando…. Conta quel che si fa, non quel che si ha intenzione di fare”.

GF Iconologia Redazione Può essere astratta l’arte. Risponde Picasso (1)