“II segno del sacro” all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici


Il volume online:

Il segno del sacro, Albatros, 2017

ISTITUTO ITALIANO PER GLI STUDI FILOSOFICI
Via Monte di Dio 14 Napoli

24 marzo 2016

IL SEGNO DEL SACRO NELLA FOLLA: CORPO, CORPI, CORPSE

articolo su Wolf

VON HAGEN: arte e anatomie (slide presentate)

21-22 APRILE 2016
LA PORTA DEL SACRO: IMMAGINI E PAROLE

slide presentate

21 APRILE ore 16

GIOACCHINO DA FIORE
Massimo Iiritano, Gily Reda, Pino Cantillo

22 Aprile 2016 ore 10

VENTI ANNI DALLA MORTE DI SERGIO QUINZIO
Massimo Cacciari, Gily Reda, Massimo Iiritano, Vincenzo Omaggio

Personaggi centrali nella declinazione del senso di un concetto centrale del 900 aiutano a riflettere su un tema aspro con la guida dei grandi Gioacchino da Fiore (immagini) e Sergio Quinzio (logos)

ISTITUTO ITALIANO PER GLI STUDI FILOSOFICI

Via Monte di Dio 14

23 novembre 2017 ore 16

Presentazione del volume degli atti della tavola rotonda del 2016 (Massimo Cacciari – C.Gily Reda – Massimo Iiritano – Vincenzo Omaggio – Ernesto Paolozzi – Aldo Trione: Il segno del sacro, Napoli 2017)

Mario De Cunzo, Paolo Mascilli Migliorini, Lara Caccia, esperti di attività museali, e la Presidente di AmicaSofia Mirella Napodano discutono di

I territori del sacro: parole, immagini e la sacralità dell’arte
Gli autori presenti interverranno leggendo un brano del loro scritto

Nella ricorrenza della morte di Sergio Quinzio, si sono interrogati sul sacro, i suoi amici Cacciari, Iiritano ed Omaggio, che ne discutevano con lui, e Gily Reda, Paolozzi e Caccia, che del sacro hanno spesso parlato nei temi dell’antropologia e dell’arte.
Cos’è il sacro per noi?
È la domanda che si proporrà ai giovani, impegnati in un team di lavoro per realizzare documentari d’arte per il Premio DOCARTE di NapoliCittàLibro. L’evento introdurrà il loro lavoro.

Il 23 novembre 2017 si è tenuto l’incontro di presentazione del volume Il segno del sacro – a partire da Sergio Quinzio che raccoglie gli atti del seminario svoltosi il giovedi santo del 2016 nello stesso Istituto.

Sono intervenuti, introdotti da Clementina Gily Reda coautrice del libro, Paolo Mascilli Migliorini che ha parlato delle attività culturali che si possono proporre all’interno di un bene storico come il Palazzo Reale di Napoli, esperti di attività museali, e la presidente di AmicaSofia, Mirella Napodano che ha narrato del suo lavoro di divulgazione del fare pensiero filosofico con i bambini e durante riunioni di persone comuni, cioè pensare e non insegnare la storia del pensiero.

E’ intervenuta quindi Annalisa Guida che ha illustrato il progetto di NAPOLI CITTA’ LIBRO, manifestazione che vuole riprendere il percorso interrotto di Galassia Gutemberg.

Clementina Gily ha illustrato i contenuti del libro e del seminario del 2016, proponendo la nuova edizione di DOCARTE 2018 come seminario itinerante in vari luoghi della città, svolto una volta al mese, per portare alla costruzione di documentari multimediali sul tema del sacro nei luoghi del proprio quartiere.

Sono quindi intervenuti i professori in rappresentanza dell’istituto Superiore “De Nicola” e del Liceo “Genovesi”, insieme agli studenti presenti per confermare la loro adesione al progetto anche in ottica di Alternanza Scuola Lavoro.

La didattica della bellezza DALLO SPECCHIO ALLO SCHERMO

Cosa cambia nell’immagine quando si passa dallo specchio allo schermo? Il modo di capirla: non è un mistero da evocare ma un testo da leggere, una macchina linguistica. Non l’estatica ammirazione ma la conoscenza dei linguaggi consente di capirla. Di qui l’intento di istituire la formazione estetica, non con nuove materie ma con una nuova didattica. Per mostrarne quanto sia urgente educare la creatività e il pensare analogico, occorre allacciare tante diverse opinioni, confrontarsi con tanti diversi teorici. Scegliere degli esempi vale a capire come nelle teorie d’oggi si possa disegnare una linea paradigmatica che consente di vedere nell’estetica la via regia dell’educazione che parte dall’immagine, dall’Iconic Turn…

in libreria