Mese: Settembre 2018

Il crollo del Ponte Morandi. Tragedia annunciata?

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

L’immagine agghiacciante del camion posto sul limite della carreggiata non crollata del ponte di Polcevera ed il racconto dell’autista che, frenando appena in tempo, ha visto volare come da un surreale malefico trampolino le auto che lo avevano sorpassato hanno indelebilmente segnato le nostre vacanze agostane. Il tutto aggravato, via via, dai dati sulle vittime, arrivate a ben 43, sui feriti, sugli sfollati, su Genova ripiegata nel dolore e nella rabbia per i tanti ritardi e le variegate omissioni da parte di tanti responsabili che la Magistratura sta attentamente…

W Culture Savarese Il crollo del Ponte Morandi. Tragedia annunciata

I fantasmi del Castello di Baia

di Baia First, team Oscom

Germanico
Germanico

Tacito raccontò la morte di Agrippina, avvenuta nei luoghi che si ammirano nel tratto di mare che si offre allo sguardo dalla terrazza del Castello di Baia. Morte terribile, un matricidio.

Ecco la sorte della bambina che viaggiava con la madre Agrippina Maggiore con le truppe del padre Germanico. Il mai abbastanza compianto eroe dei…

 

W Narrazioni Team Oscom I fantasmi del Castello di Baia

A Monteverde Irpino primo campo scout per non vedenti

di Redazione

A luglio nel cuore dell’Irpinia, il Comune di Monteverde, l’Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione, e l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Caserta, hanno organizzato dieci giorni di campo scout interamente dedicato a persone con disabilità visiva. Decine di ragazzi con difficoltà in attività sensoriali, cognitive e sportive, sono accompagnati a migliorare l’autonomia personale, ma anche alla socializzazione con i normodotati con l’organizzazione di attività ludiche e paesaggistiche con percorsi di trekking sostenibili anche da visitatore ipovedente in totale indipendenza, avvalendosi di un sistema interattivo che consente di ricevere informazioni di ogni genere, compresa la geo localizzazione grazie a un sensore posto alla base del bastone. Il presidente dell’Uici (Unione italiana ciechi) di Caserta, Giulia Antonella Cannavale ricorda che si tratta di quattro chilometri di percorsi arricchiti di sistemi informatici integrati, per avere informazioni sempre più complete.
Secondo i dettami del più autentico stile scout, i partecipanti sono stati impegnati a riconoscere l’ambiente circostante, a prendere coraggio grazie alle metodologie indicate, per non diventare troppo audaci.
Il presidente campano della Uici, Vincenzo Massa, sottolinea:
«Il progetto esprime una formula del tutto nuova, che consentirà ai ragazzi di prendere pieno possesso delle proprie potenzialità, spingendoli ad ampliare le proprie attività al di fuori delle proprie mura domestiche».

W Eventi Redazione A Monteverde Irpino primo campo scout per non vedenti