Categoria: Eventi

KERAMIKÒS‌ ‌/‌ ‌MEDITERRÀNEUS‌ ‌

di Franco Lista

“Keramikos 2020” è il titolo di una mostra da non perdere, allestita nel Museo della Ceramica Duca di Martina, nella bella Villa Floridiana di Napoli (dal 20 dicembre 2019 al 15 marzo 2020), curata da Lorenzo Fiorucci.

Si tratta di una rassegna di ceramiche sul tema del Mediterraneo, che vede le opere di alcune generazioni di artisti intrecciate con la varietà degli storici manufatti ceramici esposti nel Museo…

È l’anno di… Beethoven

Redazione

Quest’anno… no, il 2020, è l’anniversario di Beethoven. Stavolta ci siamo riusciti a capire che non è l’anniversario la scusa per ricordare…

Infatti il San Carlo aveva già onorato la memoria in estate, con la giornata dedicata alle nove sinfonie con una performance. Quindi, il 2020 pare non ci siano cose in programma. Peccato! A parte la memoria, è certo uno degli autori più amati: l’inflazione non gli giova, può causare un serio attacco di musicofobia… gli amanti non sfruttavano una giornata e i dischi di Beethoven a questo modo nemmeno in gioventù…

Fellini 100 anni

C. Gily

Una tesi di laurea: per i ragazzi è un pezzo di vita; per un professore è il momento più entusiasmante della docenza. Non sempre, è ovvio. Ma spesso è come guidare un giovane nel parco dei giochi della cultura, i più belli del mondo. Per loro creai WOLF, per pubblicare tesi belle. È un po’ come essere regista di opere che poi camminano da sole: ma farle è il bello, suggerire, giudicare, costruire…
Anche senza carrello, è un montaggio di parole ed immagini che come nel caso di Fellini passa dal palcoscenico alla teoria con grande scioltezza – e l’adattabilità è il segreto della vita!

Quella che segue è la raccolta degli articoli su Federico Fellini scritti da Anna Rita De Santis riproposta in occasione dei 100 anni dalla nascita.

Il documentario citato nell’articolo: Block-notes di un regista 36min

Agenda Puglia 10 Dicembre a TARANTO

Innovation Day. Boom della startup anche a Napoli

di Anna Savarese, Architetto di Legambiente Campania

I cambiamenti innescati dall’innovazione tecnologica e dall’economia digitale stanno producendo significative dinamiche per la fuoriuscita dalla crisi economica che vedono protagonisti soprattutto i giovani della generazione dei cosiddetti Millennials o anche nativi digitali, nati cioè in un mondo dove è già fortemente utilizzata la tecnologia digitale e dove l’innovazione tecnologica procede a ritmi sostenuti. Si stanno producendo rapide e profonde trasformazioni in molti settori manifatturieri e dei servizi grazie anche alla spinta data da molte imprese che hanno accolto la sfida della riconversione su modelli produttivi e strutture organizzative più efficienti e “intelligenti”…

W Savarese Innovation Day. Boom della startup anche a Napoli

I ritratti di Idria di Carlo Improta

al Museo Diocesano Giovedi 24 ottobre alle 17

di Redazione

A Largo Donnaregina, di fronte alla Curia di Napoli, c’è il Museo Diocesano, che continua sopra la Grande Chiesa. È anche l’accesso alla meravigliosa sala gotica di Donnaregina Vecchia, restaurata da qualche anno e ricca di un catalogo curato da G. Leone de Castris.

È la sede più bella per presentare I ritratti di Idria, di Carlo Improta, edito dalla Editrice Domenicana Italiana: dopo i saluti del Direttore del museo il Vicario generale alla cultura Mons. Adolfo Russo – ne parleranno Gily Reda, Luciana Mascia e Giuseppe Piccinno, coordinati da Silvana Lautieri del Centro Erich Fromm. Leggerà qualche brano Gianni Parisi. Ospiti, Dario dal Verme e Sandro Pasca di Magliana.

Nel n. 5 di Wolf c’è una lunga recensione del libro: eccone un’aggiunta che stringe più sul libro che sull’attività dell’autore, un artista dedito alla scultura come alla pittura … ma che si dimostra valido scrittore, che alterna teorie e narrazioni, sempre con penna scorrevole che riesce a dire di situazioni molto serie e tragiche anche – con una levità ammirevole. Continue reading “I ritratti di Idria di Carlo Improta”

Il convento di Sant’Angelo in Palco

di Vincenzo Curion

(molte altre foto nel PDF allegato)

In occasione delle giornate Europee del patrimonio, a Nola, si sono accesi i riflettori dell’annuale iniziativa “Settembrarte”, che quest’anno ha offerto a numerosi visitatori un evento unico nel suo genere. Due giornate di apertura straordinaria del Convento di Sant’Angelo in Palco che sovrasta la città.

Posto su di un piccolo rilievo della collina di Cicala, che si prolunga fin nel territorio del limitrofo comune di Casamarciano, il complesso conventuale, un gioiello la cui fondazione sarebbe datata tra il 1436 e il 1440, deve la sua nascita alla famiglia Orsini. “Fratello” del complesso conventuale di San Giovanni del Palco iniziato nel 1383 da Nicola III Orsini, che si trova nei territori del comune di Taurano, l’ex convento francescano di Sant’Angelo è da diversi anni abbandonato, in quanto non ospita più frati conventuali. La struttura conserva tuttavia bellezze artistiche di inestimabile valore e fattura, che meriterebbero di essere riscoperte ed apprezzate. Altri reperti che originariamente erano conservati presso questo convento, sono ora ospitati presso il Museo provinciale campano di Capua.  Continue reading “Il convento di Sant’Angelo in Palco”

Mariangela Vacatello: Eurovisione, 11 e 12 ottobre

di Maria Rosaria Rosato

L’11 e 12 ottobre si inaugura la Stagione Sinfonica dell’Orchestra Nazionale della Rai  2019/2020, che vedrà Mariangela Vacatello al pianoforte diretta da James Conlon. Raffinatissimo programma: Egmont Ouverture in fa minore op.84 di Ludwig van Beethoven, detta musica di scena. Brano scelto per i 250 anni della nascita di Beethoven nel 2020, scritto per il dramma di Goethe, il tema è la lotta conto la tirannia. Il secondo brano che vede Mariangela Vacatello protagonista solista è il Concerto in re minore per violino, pianoforte e archi MWV O 4 di Felix Mendelssohn-Bartholdy, al violino Roberto Ranfaldi. Il concerto fu scritto da Mendelssohn alla sola età di 14 anni, quando era già il consulente musicale di Goethe, si sviluppa in tre movimenti: Allegro, Adagio e Allegro molto.

Nel primo movimento gli arpeggi del pianoforte fanno comprendere la geniale maestria di Mendelssohn, mentre l’ultimo movimento è una pagina brillante, dove l’arpeggio tonale del pianoforte apre ad una carica ritmica. E’ una meraviglia, è una perfezione di forma, di orchestrazione non ci si annoia mai, è perfetto. L’ultimo brano è la Sinfonia n° 5 in re minore op. 47 di Dmitrij Sostakovic, la Sinfonia ha per tema lo sviluppo della personalità umana, la parte più bella è il Moderato dove Sostakovic ci mostra la coscienza umana.E’ la Sinfonia dei Misteri legata ai dettami della musica di regime e degli equivoci impercettibili. Nell’ultimo movimento ritroviamo una risposta ottimistica ai momenti tragici che ascoltiamo nei tempi precedenti. Il Concerto sarà trasmesso in diretta sul canale Rai Cultura Rai 5 e Rai Radio3 e nei circuiti Eurovisione ed Euroradio. L’anno 2019 per Mariangela Vacatello è stato ricco di grandi impegni il recital al Teatro San Carlo di Napoli,il tour in Sud Africa ed in Cina. La selezione dei partecipanti al concorso di Utrecht 2020 nelle grandi capitali come Mosca, New York, Shanghai, il concerto presso la biennale di Venezia con brani composti e dedicati a lei da Georges Aperghis in anteprima assoluta. Il 27 settembre riceverà il Premio Visioni da Giovanni Masotti a Civita di Bagnoregio. La sua grande eccellenza pianistica la vedrà protagonista di grandi progetti internazionali. Subito dopo i concerti inaugurali di Torino,partirà per la Gran Bretagna dove terrà due recital uno ad Oxford e l’altro a Cambridge.

W Rosato Mariangela Vacatello – Eurovisione, 11 e 12 ottobre