17 febbraio – Celebrazioni per il rogo di Giordano Bruno

di Redazione

Roma, Campo de’ Fiori, 9 giugno 1889, inaugurazione della statua a Giordano Bruno opera dello scultore Ettore Ferrari, futuro Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia
Roma, Campo de’ Fiori, 9 giugno 1889, inaugurazione della statua a Giordano Bruno opera dello scultore Ettore Ferrari, futuro Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia

“Qui fu arso, e le ceneri non placarono il dogma; qui risorge, e la religione del pensiero non chiede vendetta. Chiede la tolleranza di tutte le dottrine, di tutti i culti e culto massimo la giustizia”, diceva Giovanni Bovio, filosofo e massone, Grande Oratore del Grande Oriente d’Italia, il 9 giugno 1889 davanti a una folla immensa a Campo de’ Fiori che celebrava l’inaugurazione del monumento a Giordano Bruno, il frate domenicano, martire del libero pensiero, condannato per eresia dall’Inquisizione e arso vivo, proprio in quella piazza il 17 febbraio del 1600.

W MM Redazione 17 febbraio – Celebrazioni per il rogo di Giordano Bruno

>>
Leggi tutto “17 febbraio – Celebrazioni per il rogo di Giordano Bruno”

Area sgambamento cani a Napoli

Redazione

Avete un amico del cuore che oltre che dormire ama correre? Abitate a Napoli dove non esiste fazzoletto verde che non sia vietato ai cani? Pensate che sarebbe bello che i cani possano avere nei parchi qualche luogo loro dedicato dove familiarizzare con altri?

Scrivete la vostra adesione per chiedere un’area sgambamento cani al sindaco di Napoli, una riformina piccola piccola che non costa e che potrebbe educare i padroni di cani a controllare e curare i loro amici.

https://www.change.org/p/sindaco-di-napoli-liberi-a-4-zampe-per-avere-area-sgambamento-cani-nei-parchi-cittadini

 

Docimologia: limiti delle prove oggettive e necessità di un approccio innovativo

di Alessandro Savy

W MM Savy Docimologia, limiti delle prove oggettive e necessità di un approccio innovativo

Giordano Bruno, cittadino del mondo. Napoli e Nola, 17 e 18 febbraio 2017

GIORDANOBRUNO_BANNER-01

Il pensiero di Giordano Bruno continua a conoscere una grande fortuna in vari Continenti: grazie a una rete di studiosi creata dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, da oltre un trentennio sono in corso traduzioni delle sue opere in Cina, Giappone, Brasile, Russia, Germania, Francia, Spagna, Romania, Bulgaria.

A 417 anni dal rogo di Campo de’ Fiori, due giornate saranno dedicate ad alcuni grandi temi della sua filosofia: la tolleranza, la lotta ai fanatismi religiosi, l’intreccio tra i saperi (dalla letteratura alla cosmologia, dalla scienza alla gnoseologia)

Venerdì 17 febbraio:

Ore 9.00 Nola
Cerimonia di deposizione della corona al monumento di Giordano Bruno

Ore 10.00 Città della Scienza, Napoli 
PRIMA SESSIONE
Bruno contro i fanatismi religiosi
Dialogo tra Aldo Masullo e Nuccio Ordine. Coordina Edoardo Massimilla

Ore 11.30 Città della Scienza, Napoli 
SECONDA SESSIONE
Bruno tra cosmologia e filosofia
Dialogo tra Miguel Angel Granada e Massimo Capaccioli. Coordina Pietro Greco

Ore 15.00 Napoli Federico II
TERZA SESSIONE
Le traduzioni di Bruno in Europa, Asia e America
Indirizzo di saluto di Gaetano Manfredi.
Tavola rotonda coordinata da Nuccio Ordine . Intervengono:
Pasquale Sabbatino e Tiziana Provvidera
Cina: Tian Shigang (Pechino)
Giappone: Morimichi Kato (Tokio)
Brasile: Luiz Carlos Bombassaro (Porto Alegre)
Russia: Andrei Rossius (Mosca)
Germania: Thomas Leinkauf (Munster)
Spagna: Miguel Angel Granada (Barcellona)
Francia: Yves Hersant (Parigi)
Romania: Smaranda Bratu Elian

Sabato 18 febbraio: Nei luoghi bruniani

Ore 9.00 Nola
Bruno incontra il territorio.
Chiesa SS.Apostoli: gli studenti di Nola e negli Istituti di Marigliano, Palma Campania, Cicciano, Acerra, Saviano

Ore 15.00 Castelcicala, Cimitile
Visita alle Basiliche Paleocristiane di Cimitile, al Museo Archeologico e a Castelcicala

Lo sciacallaggio umano

di Adolfo Giuliani

Riflessione esasperatista
Gli sciacalli si trovano sempre e ci sono sempre stati, sia nella vita privata sia nei momenti più difficili che l’uomo, come collettività, attraversa.
Sono sempre esistiti, infatti, ed esistono tuttora, quelli che approfittano delle disgrazie, pubbliche e private, per trarre vantaggi personali. Gli esempi più eclatanti si verificano in occasione di terremoti, alluvioni e altri disastri naturali, nonché in caso di malattie, lutti e disgrazie individuali. Pertanto, proprio quando l’uomo ha bisogno dell’uomo, ha necessità di aiuto, non solo non trova quasi mai nessuno disponibile a sostenerlo, ma quasi sicuramente trova uno sciacallo pronto ad approfittare.
Come è possibile che avvenga questo, proprio nel momento della necessità, cioè quando si è più deboli e si avrebbe più bisogno degli altri? Come è possibile che la sensibilità umana arrivi a tanto degrado? Eppure succede ed è triste pensare che bisogna stare sempre attenti, anche nei momenti più difficili, per controllare che non ci sia qualche sciacallo in giro, pronto a sfruttare il dolore altrui.

W MM Giuliani Lo sciacallaggio umano