Tempo di vacanza

di Redazione

Un augurio corale di fine belligeranza mediatica e no.

Abbiamo infine sentito Volga Volga da tutti i monitor. Quanti nostalgici di Baffone-Baffino meditano su Trump e sulle sue accuse all’Europa? cambierà qualcosa sul fronte sinistro? Finalmente la conversione al populismo, dopo tanto parlare di democrazia PER il popolo…

Finalmente cessa la diversità, il Parlamento in soffitta, luogo di espedienti e furti… invano combatterono dalla Magna Charta in poi i secoli d’Europa illuminista… i risorgimentali della costituzione… Mazzini e Garibaldi insieme…

Tutti populisti: Tutti? E chi lo sa, visto che ai giornalisti ormai si parla o no a seconda che siano amici o no. Che li si licenzia apertamente se non osannano il potere. Ma non si è sempre fatto? Si replica. Certo, ma di nascosto: solo così fu possibile il Watergate.  Licenziare chi scrive le sue idee è negazione della libera stampa e del pensiero politico occidentale. La libera stampa… ma esiste? In RAI e fuori il lettore attento stenta a vedere differenze, solo all’estero si trovano scritture non conformiste all’italiana… le testate sono tutte qualunquiste e parlano sempre più di balene e pinguini, di televisione e grandi fratelli… e che volete, con questi politici? Nulla di più falso dei talk show con silenziatore – invece che ‘moderatore’.

Certo tutti i qualunquisti, come si chiamavano una volta, rialzano la testa con orgoglio. Finalmente vince l’incultura. A morte chi pensa diverso. Solo i diversamente abili con BES attestata da ASL avrà diritto di voto e di parola – sempre se dimostra di seguire e non pensare.

Allora… questo è luglio. E poi c’è agosto. È diventato un dovere pesante il ‘diritto di voto’, per un liberale. Tra tutti i liberali non c’è protesta sulla perdita della libertà di stampa, Mieli fa la storia facendo leggere trattati alle ochette, ognuno trova la sua scusa per negare la cialtroneria della stampa urlata. Montanelli, quali eredi formasti?!? La libertà si ha o no; nella terra di Giordano Bruno e di Gian Battista Vico, non resta che studiare per tempi migliori: la cultura non tradisce mai. Bene, il sole oscurato della libertà tornerà coi suoi lumi anche senza partito, movimento o ministro.

Ora a luglio e agosto conviene far cessare la guerra, mentre coloro tramano sulle barche e sui banchi. Decidere cosa fare per realizzare la decisione già presa dalla redazione di wolf: coltivare la cultura e i saperi discutendo tra vecchie giovani, parole brevi e lunghe, immagini allegre e in tono coi testi…

Un’agorà d’oggi.

Buone vacanze già da ora, ma l’appuntamento è al prossimo numero, cioè il 14. Eviteremo quest’anno di fare numeri doppi e tripli… anche la cultura è un impegno serio.

W editoriale 13-18 Tempo di vacanza

Riapre la Cappella di Santa Maria di Pignatelli al Largo Corpo di Napoli

di Anna Savarese*

Il 25 giugno è stata aperta al pubblico la Cappella di Santa Maria di Pignatelli, alla presenza del sindaco di Napoli Luigi De Magistris del rettore del Suor Orsola Lucio D’Alessandro, dei fratelli Fabio e Giovanni Pignatelli e del sovrintendente per l’archeologia alle Belle Arti e il paesaggio Luciano Garella e dell’intera squadra di lavoro (che ha visto anche il coinvolgimento degli studenti del corso di laurea magistrale in restauro dei beni culturali) del Suor Orsola con il coordinatore scientifico Pierluigi Leone de Castris.

La Cappella deriva il suo nome dalla famiglia Pignatelli, una tra le più prestigiose della nobiltà partenopea, e non solo, che nei secoli ha espresso papi (Innocenzo XII, 1691-1700), cardinali e numerosi viceré del…

*Architetto di Legambiente Campania

W Eventi Savarese Riapre la Cappella di Santa Maria di Pignatelli al Largo Corpo di Napoli

Antonio Sarubbi: il salotto di Via Vittoria Colonna

di Redazione

Il libro postumo di Antonio Sarubbi è stato presentato il 4 luglio al Premio Napoli nella sede di Palazzo Reale. Si sono avvicendati nel discorso Domenico Ciruzzi, Presidente della Fondazione, il preside della Facoltà di Scienza Politiche in cui il prof. Sarubbi per tanti anni insegnò Dottrine politiche, Clementina Gily, autrice di volumi e saggi sui filosofi politici di cui occupava Sarubbi, Berardino Impegno, filosofo e politico di lungo corso, Marisa Tortorelli Ghidini, che dirige l’Associazione Lucana Giustino Fortunato – il saluto del Rettore Manfredi è giunto gradito alla sala affollata nonostante il pomeriggio afoso di molte persone ben conosciute in città. Chiediamo perciò al ns. Dir. Responsabile, C. Gily Reda qualche notizia sul libro…

GF Recensioni redazione Antonio Sarubbi – il salotto di Via Vittoria Colonna